• Guardare,  Prospettive,  Tecnica fotografica

    Attimo, profondità, elementi

    A volte l’attimo decisivo, specie se non è particolarmente “decisivo”, non basta. Per fare una buona, o almeno discreta fotografia, servono altri elementi, ad esempio la profondità, la tridimensionalità, lo sfocato corretto che isoli quell’attimo, rendendolo se possibile un po’ più “decisivo” di quanto sia in realtà. Credo che mi sia capitato scattando questa fotografia tre anni fa, la domenica nel tardo pomeriggio, in bellissimo giardino di non ricordo dove.

    Abbraccio
  • Guardare,  Luce artificiale,  Spettacoli,  Teatro

    La luce (quasi) perfetta

    Spesso ci danniamo l’anima cercando la luce perfetta artificiale. Studiamo le tecniche di illuminazione con i flash off camera, con softbox e ombrelli, con sfondi particolari e altro ancora. Poi, una sera, si va a teatro e si scopre, tutto d’un tratto, che la luce perfetta è quella sul palco. Basta inquadrare e scattare. Click. Ed è fatta. Almeno, quella sera al teatro Fraschini di Pavia, mi capitò così.

  • Guardare,  Senza categoria

    Quell’istante decisivo (umilmente)

    Nel 1952 Henri Cartier-Bresson pubblica Images à la sauvette, un libro destinato a segnare la storia della fotografia. In Italia il titolo – che letteralmente significa “immagini al volo” – viene tradotto con “L’istante decisivo”. E ogni fotografo, che sia un reporter oppure un amante dalla street photography, sa bene quanto sia importante quell’istante. Il problema è che non sempre si presenta. Molto dipende da quanto e come lo si cerca, come ci si predispone da accoglierlo quando, all’improvviso, ce lo troviamo davanti. In questa mia fotografia, il mio personale istante decisivo è lo sguardo della donna di fronte alla vetrina, che ignora il concerto in corso e guarda gli oggetti esposti.

    Concerto jazz alla Libreria Cardano di Pavia

  • Guardare

    Modificare per trovare

    La post produzione, ossia la modifica di una fotografia, non è sempre il male assoluto. L’aumento del contrasto, a volte esasperato, l’utilizzo di filtri (una volta si montavano solo sull’obiettivo, ora possiamo simularli con Photoshop), il taglio dell’immagine e tanto altro, possono esaltare il senso di un luogo, oppure trasformarne il senso stesso. A poche centinaia di metri da casa.

    La chiesa cristiana evangelica