• Camminare,  Città e Paesi,  Fuji X Series,  Guardare,  Prospettive,  Street photography,  Viaggiare

    Venezia

    Come al solito. Stai in una città come Venezia per un’intera giornata e quando torni a casa riguardi le fotografie che hai scattato. E scopri che solo una, tutto sommato, ti piace davvero. Ed è la meno “veneziana”, se così si potesse dire, di tutte quelle che hai fatto. Però ti piace.

    Venezia, dalle parti della laguna
  • Fuji X Series,  Luce,  Post produzione,  Prospettive,  Viaggiare

    Vicino al Velodrome

    Ogni tanto bisogna pur divertirsi, fotografando. A Marsiglia, nell’area adiacente al Velodrome, c’erano – all’inizio di settembre – luci e colori adatti per farlo. Lo strumento adatto era il Venus Laowa 9mm f/2.8 Zero-D, un ultragrandangolare per la Fuji. Questo è uno dei risultati, ovviamente dopo un po’ di trattamento con Photoshop.

    L’area del Velodrome, a Marsiglia
  • Arte,  Fuji X Series,  Luce,  Prospettive,  Viaggiare

    Ci deve essere una magia

    Ci deve essere una magia nell’arte. Ce ne rendiamo conto appena ammiriamo una scultura, un quadro, una fotografia, un edificio, un disegno, quando ascoltiamo la musica, se leggiamo una poesia, quando vediamo un film. Il senso della magia lo cogliamo, spesso, senza riuscire a decifrarlo, senza essere in grado di trasformarlo in parole. Me ne rendo conto ogni volta che fotografo un’opera d’arte, anche minore. La fotografia viene sempre perfetta, almeno per me. Di merito ne ho pochissimo, è il soggetto che parla a chi lo guarda.

    Statua nella cattedrale di Marsiglia
  • Luce,  Oltrepo,  Prospettive

    Cowboys oltrepadani

    Quando si parla, nel lavoro fotogiornalistico, di contestualizzare le immagini, significa in buona sostanza che l’immagine stessa dovrebbe poter avere il suo significato senza bisogno di una didascalia. Ecco, la fotografia che vedete qui sotto ne ha necessità. Il simpatico gruppo di cowboys – quelli che sembrano cowboys o almeno agricoltori del Texas – sono in realtà agricoltori che arrivano a Voghera un po’ da tutta Italia per esaminare il risultato delle sementi. Un momento importante della loro professione e anche fotograficamente curioso, perché tutti insieme entrano nei campi mentre alcuni esperti magnificano e spiegano tutti i segreti del grano, del mais e così via. Ecco, la foto avrebbe potuto parlare da sola se vicino a quel campo ci fosse stato un oggetto, un qualunque segno che contestualizzasse almeno geograficamente quell’istante. Non c’era. Ma per fortuna ci sono le didascalie sui quotidiani.

    Voghera, presentazione delle sementi
  • Guardare,  Luce,  mestieri,  Post produzione,  Prospettive,  Tecnica fotografica,  Viaggiare

    Un tavolaccio

    Qui sotto non c’è una gran foto. Tutt’altro. Ma la pubblico perché il risultato dello scatto, quello che state vedendo, è esattamente (quasi esattamente) ciò che avevo in mente nel momento in cui ho premuto il pulsante sulla fotocamera. Immaginavo che la prospettiva, dal basso, parallela al tavolaccio potesse dare forza all’immagine, che gli oggetti lasciati lì disordinatamente servissero a creare profondità, che l’obiettivo con il diaframma aperto al massimo creasse lo sfocato necessario e infine che Paola, sempre sfocata, servisse a dare vita alla fotografia in modo che non si trasformasse in una sorta di still life all’aperto. E infine, i colori che avevo di fronte li immaginavo già trasformati e resi più caldi in fase di post produzione. Ecco, come detto, non è una gran foto, ma è quella che immaginavo. Ed è un esercizio utilissimo. Anche perché, poi rivedendola, mi sono reso conto che tagliare l’angolo del tavolo è stata una sciocchezza. E dagli errori si impara. Eccome.

    In Toscana
  • Fuji X Series,  Guardare,  Photoshop,  Post produzione,  Prospettive,  Senza categoria,  Viaggiare

    Il Paese più bello del mondo

    Spesso si dice che il nostro è il Paese più bello del mondo. Forse si esagera, ma è certamente vero che ci sono luoghi splendidi in Italia che non smettono mai di sorprenderci. Devo però dire che nei luoghi storici spesso, per un fotografo, ci sono problemi a scattare fotografie altrettanto sorprendenti. Perché può succedere che le bellezze si ripetano e una, proviamo a dirla così, assomigli all’altra. E che la fotografia diventi cartolina. La bellezza, insomma, non sempre è garanzia di una foto originale. Punto di vista, prospettiva e inquadratura, ad esempio, possono aiutarci a raccontare in modo diverso, se non originale. In questa immagine ho fatto un tentativo, di fronte all’ennesima, meravigliosa bellezza italiana: il castello di Populonia.

    Il castello di Populonia, in Toscana
  • Fuji X Series,  Guardare,  Luce,  Photoshop,  Post produzione,  Prospettive,  Tecnica fotografica

    Il Laowa 9mm f/2.8 Zero-D

    Mi sono tolto lo sfizio di acquistare questo obiettivo ultragrandangolare fisso per ampliare il mio corredo Fuji. Non starò qui a discutere delle sue caratteristiche tecniche, ci mancherebbe. Ci sono in rete decine di siti specializzati dove approfondire. Ma posso dire che, utilizzato anche sulla Fuji X-T1, dà delle belle soddisfazioni. Val la pena davvero di provarlo. Qui sotto, un paio di scatti di prova che ho fatto con questo sorprendente 9mm.

    Scatto con il Laowa 9mm f/2.8 ZeroD
    Scatto con il Laowa 9mm f/2.8 ZeroD
  • Camminare,  Guardare,  Luce,  Photoshop,  Post produzione,  Prospettive

    L’immaginavo così

    L’immaginavo così. Per me il bianco e nero è questo, e lo è stato da quando fotografavo con una Pentax Mx in analogico e sviluppavo le pellicole e le stampe nel bagno della casa dei miei genitori. Quando non c’era l’anteprima sullo schermo della mirrorless, quando il rullino mica potevi sprecarlo. Non lo faccio neppure oggi, a dire il vero, non esagero mai con gli scatti. Perché, quando faccio click, per quanto un click artificiale, so già come vorrò quell’immagine. E questa che vedete qui sotto, bella o brutta che sia, uscendo alle 10 del mattino dallo studio del fisioterapista, e gettando lo sguardo verso l’alto, me la sono proprio immaginata così.

  • Guardare,  Luce,  Prospettive

    Biliardino

    Anche il più povero e noioso mercatino di paese, in una domenica mattina di sole e di luce, può riservare qualche piccola sorpresa a chi fotografa. A Bereguardo, poco distante da Pavia, quella domenica mattina i banchetti erano pochi, i mercanti svogliati, e la gente distratta. Niente di curioso che attirasse la mia attenzione. Finché, quel biliardino a terra non mi ha fatto pensare che la luce così dura, di solito inutilizzabile, e la prospettiva dall’alto, avrebbero potuto fare la differenza.

    Biliardino
  • Controluce,  jazz,  Luce,  Luce artificiale,  musica,  Prospettive

    Jazz

    Fotografare ai grandi concerti pop e rock deve essere emozionante. Non mi è mai capitato, quest’anno vedrò di rimediare… Per ora mi sono emozionato con il jazz. Credo che il fatto di suonarlo, il jazz, di conoscerne molti aspetti anche tecnici, mi aiuti a scattare immagini che, spero, raccontino bene cosa significa fare musica. Nell’istante in cui si fa. Questa è una delle fotografie che mi piacciono di più. Al contrabbasso c’è un amico, Tito Mangialajo Rantzer, grandissimo musicista di Pavia.

    Tito Mangialajo Rantzer, contrabbasso