• Camminare,  Città e Paesi,  Fuji X Series,  Guardare,  mestieri,  Persone,  Street photography

    Fashion Factory

    Il tentativo era chiaro: ottenere il contrasto tra gli operai all’esterno del negozio, in attesa di riprendere il lavoro, e la scritta “Fashion Factory”. Insomma, tra le tute e le magliette, abiti da fatica, senza alcun obiettivo di eleganza, e il senso della scritta, appunto collegata allo stile e alla moda. Più o meno è riuscito, ma tutto sommato convincente, direi.

    Eleganza a Milano
  • concerti,  Fuji X Series,  musica,  Post produzione

    Icardi Trio a Spaziomusica

    Elio Rivagli (batteria), Ivano Icardi (chitarra) e Lorenzo Poli (basso) salgono sul palco di Spaziomusica. Dei signori musicisti, un power trio che per quasi due ore tiene incollato alle sedie un pubblico attento e particolarmente competente. Certo, deve piacere il genere. Personalmente, non ne vado pazzo: ma la tecnica di Rivagli – per dire: ha suonato con De Andrè e Fossati, quella di Icardi – per dire: ha pubblicato con l’etichetta di Steve Vai – e infine quella di Poli – per dire: ha accompagnato Zucchero, Anastacia e Suzanne Vega – sono una sorta di masterclass dal vivo. Imperdibili.

  • Arte,  Città e Paesi,  Fuji X Series,  Luce,  Prospettive

    Palazzo della Ragione

    Ecco, questo è uno dei casi in cui la fotografia l’hai già nella testa appena arrivi. Padova (bellissima), Palazzo della Ragione. Appena salite le scale, in una giornata di sole, nel pomeriggio inoltrato, l’ingresso del palazzo appare così come era stato pensato, nella sua perfetta simmetria, negli spazi, nelle linee parallele. Quando l’immagine la vedi già stampata in bianco e nero, devi soltanto fare “click” (si fa per dire, con la mirrorless…) e aspettare il ritorno a casa per rivederla sullo schermo del computer.

    Palazzo della Ragione, Padova
  • concerti,  Fuji X Series,  musica,  Ritratti,  Spettacoli

    Mimmo Locasciulli a Spazio

    Era un bel po’ di tempo che non tornavo a Spaziomusica, storico locale di Pavia, regno della buona musica. Sono cambiate tante cose, oltre alla proprietà (uno dei soci è l’amico Paolo Pieretto, una garanzia). Tra queste, la luce sul palco: più marcata, con meno faretti colorati o almeno, vengono sfruttati con moderazione. A Spazio sono andato qualche sera fa, c’era sul palco Mimmo Locasciulli, storico cantautore, ed ho provato qualche scatto.

  • concerti,  famiglia,  Fuji X Series,  Luce artificiale,  manifestazioni,  musica,  Ritratti

    Carlo in concerto

    Non può che essere una delle mie fotografie preferite. O meglio, dei migliori momenti in cui mi è capitato di scattare. Mostra mio figlio, Carlo, in concerto nel cortile dell’università di Pavia. E’ una foto di qualche tempo fa, ma il suo modo di stare dietro la tastiera non è mai cambiato. In questo caso, tecnicamente parlando, ho lavorato ovviamente in manuale, recuperando qualche ombra in fase di post produzione e cercando far risaltare il fumo artificiale.

    Carlo Maida in concerto
  • Arte,  Città e Paesi,  Fuji X Series,  Prospettive,  Tecnica fotografica

    Primo piano e sfondo

    Nel mio nuovo libro “Uno scatto e via” dedico un intero capitolo allo sfondo. Nella fotografia, spesso, ci concentriamo sul primo piano, ovvero sull’oggetto che ci interessa dimenticandoci, appunto, del resto. Nel fotogiornalismo “quotidiano” lo sfondo è fondamentale, in primo luogo perché spesso impatta con il bianco della pagina che circonda la fotografia. Un bianco puro, per esempio, appare come se facesse parte del bianco della pagina e non della fotografia. Ecco allora che una buona fotografia da pubblicare sul giornale deve essere costruita tenendo conto anche dello sfondo. In questo esempio è il crocifisso il soggetto che ci interessa, ma il quadro, sfocato perché non è il centro dell’interesse, svolge bene il ruolo di sfondo. Questo scatto è di qualche tempo fa, nel paese di Bobbio.

    Crocifisso, Bobbio (Pc)
  • Città e Paesi,  Fuji X Series,  Luce,  manifestazioni,  Spettacoli,  Street photography

    Cremona sui trampoli

    Zero luce. Succede, può succedere. Dopo aver trascorso una giornata a Cremona senza aver visto nulla che valesse la pena di fotografare, quando la notte cala e la luce diventa pari a zero, ti trovi di fronte a quattro artisti da strada che girano, peraltro velocissimi, sui loro trampoli. Ho scattato qualche fotografia al volo, in quel momento avevo su un 9mm ed ero in una galleria della città. Sono riuscito a riprenderli mentre entravano e poco prima che uscissero. Una foto è a colori, l’altra in bianco e nero, gli iso erano terribilmente settati a 3.200. E purtroppo si vede. Però, a me piacciono lo stesso (Ogne scarrafone è bell’ a mamma soja).

    All’ingresso in galleria…
    … e all’uscita
  • Arte,  Fuji X Series,  jazz,  Luce artificiale,  musica

    Tito e Joe

    Il luogo era perfetto, il Caffè Teatro di Pavia; i musicisti eccezionali, i contrabbassisti Tito Mangialajo Rantzer e Joe Fonda; la scelta ardita, il duo; la luce pessima, dominante arancione. Queste le condizioni del bellissimo concerto che si è tenuto un venerdì sera di novembre appunto al Caffè Teatro di Pavia, locale dove l’intelligenza del titolare fa sì che si possa trovare sempre della buona musica e dell’ottimo jazz in particolare. Ero lì per ascoltare un amico, Tito, ma anche per scattare qualche fotografia. Dominante a parte, la luce era davvero pochissima e ho dovuto salire a 3.200 Iso. La mia Fuij X-T3 ha retto alla prova, credo.

  • famiglia,  Fuji X Series,  Guardarsi,  Persone,  Ritratti,  Viaggiare

    Le solite foto di famiglia

    Ho notato che raramente gli appassionati di fotografia pubblicano le foto classiche, quelle di famiglia, che paiono fatte con lo smartphone. Io stesso, non so per quale ragione, ho una sorta di ritrosia nel farle vedere. Eppure, sono spesso i momenti migliori, i momenti che poi riguardi, che sono più forti nel ricordo. Eccone alcune. Non sono, mi pare, migliori o peggiori delle altre che ho pubblicato.

  • Città e Paesi,  Colori,  Fuji X Series,  Paesaggi,  Viaggiare

    La luce (quasi) perfetta

    Amo scattare immaginando il bianco e nero. Anzi, grazie alle possibilità che mi offre la mia Fuji X-T3, a volte lascio il mirino monocromatico. Preferisco il bianco e nero al colore perché, da quando ho cominciato a tenere in mano una fotocamera – e parliamo di oltre quarant’anni fa – ho sempre visto il mondo così. E poi, per chi ha fotografato lungamente in analogico, stampandosi negativi e positivi in casa, nel bagno, il bianco e nero resta nel cuore. Ma ci sono delle volte in cui proprio il mondo ti appare (quasi) perfettamente a colori. Mi è accaduto, ad esempio, qualche tempo fa a Lavarone, in montagna, in un periodo di grandi nevicate. E queste due case, questo cielo, non potevano essere che a colori.

    Lavarone (Trento)